venerdì , giugno 23 2017
Home / benessere / Smettere di fumare: benefici a breve, medio e lungo termine.

Smettere di fumare: benefici a breve, medio e lungo termine.

smettere di fumareSmettere di fumare: benefici a breve, medio e lungo termine.

Chi per anni ha avuto l’abitudine di fumare, ha messo a rischio la sua salute fisica e mentale. Molte persone fumano moltissimo, fino a 40 sigarette giornaliere e i rischi di contrarre gravi malattie sono altissimi. Molti sono colpiti dal cancro ai polmoni, ma anche alle vie respiratorie, per non parlare delle complicazioni alle arterie e al cuore.

Non aspettare di ammalarti per smettere, non è mai troppo tardi, basta avere un po’ di buona volontà e determinazione a non ricadere in questa abitudine così dannosa per la nostra salute. Un genitore che fuma ha un’ alta probabilità di avere figli fumatori.

Come conferma la ricerca scientifica, quando si smette di fumare si ottengono molti benefici e fin da subito iniziano a vedersi dei cambiamenti nel nostro corpo.

Salute fisica e mentale

La scelta migliore sarebbe stata non aver mai iniziato a fumare, ma si sa che chi smette di fumare, protegge l’organismo dall’insorgenza di pericolose patologie come il cancro. Smettendo di fumare ne beneficiano i polmoni, le arterie e anche il cuore. Dal punto di vista psicologico, studi recenti hanno riscontrato che smettendo di fumare si guadagna in serenità ed autostima. Un team di ricercatori Usa dell’Università del Wisconsin ha, infatti, condotto una ricerca su 1500 fumatori inseriti in un programma di disintossicazione: L a scelta di smettere di fumare ha garantito un forte miglioramento sia dello stato fisico che del benessere psicologico, aumentando l’autostima e la serenità.

Molti ex fumatori sono pessimisti e non credono che la qualità di vita post-tabagismo aumenta in maniera ponderale.

Una ricerca del Trinity College and Research Institute di Dublino, ha dimostrato che smettere di fumare migliora l’attività cerebrale. Sono state tenute sotto controllo le aree cerebrali interessate al comportamento con la risonanza magnetica e si è costatato che queste sono sono più sviluppate. Con degli appositi test di controllo, i ricercatori sono riusciti a riscontrare una maggiore attività cerebrale in coloro che hanno smesso di fumare a differenza di coloro che non avevano mai fumato.

Secondo un recente studio, smettere di fumare migliora l’umore e gli stati depressivi. Ciò è stato dedotto da una ricerca condotta dai ricercatori di due Università famose, la Brown University in associazione alla University of Southern California. E’ stato evidenziato l’effetto che la mancanza di fumo provoca a livello cerebrale su un fumatore abituale. 236 fumatori volontari sono stati monitorati e il loro comportamento cambiava a seconda che fumassero o no. Erano di buonumore ogni volta che smettevano di fumare e quando riprendevano, l’umore scendeva vertiginosamente; si sentivano di malumore, depressi ed irritabili.

Si può, quindi, concludere che il fumo oltre a rappresentare un problema per la salute fisica, lo è anche per la salute mentale.

Non è mai tardi, perciò, per decidere di cambiare la vostra vita ed iniziare a volersi bene.

I benefici che si ottengono nello smettere di fumare possono essere diversi a breve termine, a medio termine e a lungo termine. Ecco i vari cambiamenti, per ogni fase del percorso, spiegati in maniera schematica.

Brevissimo termine

– Dopo 20 minuti dall’assunzione dell’ultima sigaretta, si normalizza la pressione arteriosa e di conseguenza scendono le pulsazioni e la frequenza cardiaca si normalizza.

– Dopo 8 ore i livelli di ossigeno tornano alla normalità, la nicotina scende del 93% e anche i livelli di monossido di carbonio nel sangue scendono. Dal punto di vista psicologico, questo è un momento molto difficile, ma i benefici incentivano a non demordere.

– Dopo 24 ore viene eliminato dal corpo il monossido di carbonio e i polmoni iniziano la fase di auto depurazione da muco e altri detriti. Il soggetto, in questa fase, hanno il picco d’intensità dei sintomi di carenza di nicotina e quindi depressione, irritabilità e ansia.

– Dopo 48-72 ore inizia a migliorare il senso del gusto e dell’odorato che erano ormai alterati e quindi il sapore dei cibi è più piacevole. La nicotina viene eliminata ed il respiro migliora.

– Dopo 72 ore la respirazione è molto migliorata. Dal punto di vista psicologico, si sente il forte desiderio del fumo e si reagisce con sintomi influenzali, vertigini, insonnia, inappetenza e stanchezza.

Breve termine

– Da 2 a 12 settimane di astensione, la pelle appare più luminosa, l’alito più gradevole. Si normalizza anche la temperatura cutanea di mani e piedi.

Medio termine

– Da tre mesi ai 12 mesi di astensione diminuisce la tosse e i problemi respiratori, diminuisce l’affanno nel camminare e il soggetto è più energico e sente sempre meno la spossatezza. C’è una riduzione del rischio di mortalità per le malattie cardiovascolari ed è la fase in cui il corpo si libera della nicotina.

– Dopo 1 anno

Scende il rischio di contrarre malattie coronariche, infarto e ictus del 50%.

Lungo termine

– Dai 10 ai 15 anni

Si riduce il rischio di contrarre il cancro alla bocca, alla gola, al fegato, ai reni, alla vescica, al pancreas e ai polmoni il rischio scende del 70%. Si riduce anche il rischio di contrarre il diabete al pari dei non fumatori.

– Dopo 15 anni

Si normalizzano le condizioni per la perdita dei denti, per le malattie coronariche e in generale il rischio di morte precoce.

– Dopo 20 anni

Scende ai livelli dei non fumatori il rischio di ammalarsi di cancro al pancreas. Per le ex fumatrici ci sono le stesse percentuali di morte delle donne che non hanno mai fumato.

– Liberi dal fumo dopo 20 anni

Si è totalmente liberi da ogni rischio di malattia attribuibile al fumo.

Link:

Sito: Airc

Wikipedia: Tabagismo

 

Comments

comments

About elisabetta981

Check Also

fiori di bach

Fiori di bach e rescue remedy

Fiori di bach e rescue remedy La vita frenetica che conduciamo, i continui impegni e …

http://www.themesfreedownloader.com latest government jobs stock market tutorial